Do The Evolution

 

Metto questo lavoro per primo nella mia biografia d’autore in quanto è stata la prima occasione nella quale ho avuto il governo di tutte le fasi del processo creativo, dall’ideazione al montaggio. Ed è stato un prodotto che, nel suo piccolo e nel piccolo della sua applicazione, ha segnato una differenza. Passeranno sette anni prima di applicare un processo autoriale per intero ad una produzione.

Al Liceo Maffei di Verona ogni anno si fanno le elezioni dei Rappresentanti di Istituto: gli studenti si candidano in liste, e ogni lista ha uno spazio di presentazione in cui fa vedere un proprio video promozionale.

Al Maffei i video delle liste erano di due tipi: quelli molto divertenti parodia di pubblicità o programmi televisivi (ed erano di solito le liste dei “fighetti”) oppure quelli wannabe situazionista/esistenzialista dove uno si allacciava le scarpe per dieci minuti (per capire come funzionano le cose al Liceo Maffei ascolta Ognuno di Noi – Lato B).

Al mio ultimo anno di Liceo decisi di candidarmi con un gruppo di amici e proposi di fare un video diverso, che si mettesse di traverso rispetto alle quattro cazzate che tutti gli studenti presentavano e che tutti si aspettavano di vedere.

Do Te Evolution è un cortometraggio sulla scuola così come l’avevo vissuta in quegli anni, un luogo nella quale entra la carne viva che viene fagocitata e fatta rinascere in un bozzolo robotico dal quale escono “gli adulti” senza coscienza pronti per fare un’inutile esistenza al servizio del progresso.

Il video originale era andato perso ed è stato rimontato secondo lo storyboard originale nel 2012.

 

No Responses

Leave a Reply




Top